venerdì 12 giugno 2009

Come ti vedono

Ultima settimana di scuola, per i piccoli ma anche per la profe.
Il livello di delirio sta toccando vette assolute, lunari.
Poesia pura.

La profe è in apnea: la mattina ha lezione e il pomeriggio viene risucchiata di nuovo dentro la pancia della scuola per gli scrutini. Dalle 14.00 alle 19.00, tempo netto.

I pargoli, stracotti dalle fatiche dell'anno scolastico (a proposito, parlavo l'altro giorno con la dirigente scolastica la quale mi informava che la tendenza del Miur è quella di allungare il calendario scolastico nei prossimi anni, fino a farlo terminare intorno al 20 giugno...), fanno fatica a concludere lucidamente le loro giornate.

In tutto questo, il sottoscritto non si fa mancare nulla: dopo l'ormai nota pizzata dei babbi, desian ha avuto qualche altro impegno. Li numero, si vedono meglio:

1) festa di fine anno della classe dell'uomo piccolo (babbi in pista: 2; il resto mamme);
2) accompagnamento mattutino pargoli a scuola, cinque giorni su cinque;
3) presenza all'uscita di scuola, due giorni su cinque;
4) visita audiologica dell'uomo piccolo, in orario scolastico (accompagna la donna grande a scuola, via dall'audiologo, riaccompagna l'uomo piccolo a scuola);
5) anche il gatto ha bisogno di manutenzione: porta il gatto dal veterinario. Anche le feci: sceglile nella cassettina...;
6) corri a prenotare i libri di scuola per il prossimo anno scolastico (sono o non sono il rappresentante di classe?!?!);
7) vai dal fotografo a ritirare le foto di classe. Distribuiscile a tutti. Rincorrendoli... (vedi sopra);
8) riunione illustrativa del prossimo anno scolastico con la dirigente: l'uomo piccolo a settembre va in prima;
9) saggio di musica della donna grande: una pianista si vede dal mattino. Tanti esercizi...
10) gelato per tutti dopo il saggio di musica: mai vista tanta panna soccombere alla forza di gravità come ieri pomeriggio.

Inoltre, ma così, per sfizio, ho anche lavorato, perlopiù fuori città.
Non mi ricordo cosa facessi nella vita prima di avere due figli...
Probabilmente mi hanno già licenziato e non me lo hanno detto.

In questo tunnel degli orrori, l'unico modo per sopravvivere è quello di tapparsi gli occhi, testa bassa e pedalare.
Per fortuna esistono gli amici che, effettivamente, ti vedono girellare come una trottola e ogni tanto provano a darti il senso di ciò che ti accade. Una in particolare, mamma di una compagna di classe dell'uomo piccolo, stamattina deve avermi visto un po' provato e ha amichevolmente dato la simbolica pacca di consolazione:
"Toh!, ecco il ragazzo padre!!!".

...

L'ho ringraziata per il complimento: ragazzo.


Ah!, dimenticavo: domattina, desian imbarca i pargoli e se ne va al mare. In vacanza.
Lasciando la profe libera, rilassata e finalmente scevra da qualsiasi preoccupazione: potrà dedicarsi anima e corpo ai suoi studenti, agli scrutini, alle ultime manfrine burocratiche.
In fondo, dopo aver poltrito così tanto, una settimana da solo con entrambi i pargoli mi fa un baffo: speriamo soltanto che non mi finisca troppa sabbia nel letto... Umpf!

8 commenti:

  1. Senti, ma tutte queste commissioni le faresti anche per lavoro? No, perchè ci sarebbe da prendere il latte per stasera e portare la bambina dal pediatra, la prossima settimana :)

    RispondiElimina
  2. @mammafelice: se fossi in te non mi fiderei di lasciare la bambina in mano a uno sconosciuto: per una mia particolare e antica disfunzione, io i bambini li mangio. Con i miei non sai che fatica faccio a resistere... ;-PP
    p.s. intero o parzialmente scremato, il latte?

    RispondiElimina
  3. la tua settimana somiglia molto alla mia, aspetto solo la revenge piattinesca e benedico i campi scuola.
    mi serve urgentemente una vacanza da me stessa

    RispondiElimina
  4. Da noi questa tua settimana intensa viene generalmente diluita nelle prime tre settimane luglio, quando i bambini sono stracotti, quando praticamente non fanno più lezione e si accavallano gite scolastiche, competizioni sportive, rapporti scolastici, riunioni d'inserimento per l'anno successivo, festa della scuola, eventi per la raccolta di fondi. Quest'anno, per fortuna, le scuole chiudono qualche giorno prima, il 17 luglio. Di solito si va avanti fino al 22-23.

    RispondiElimina
  5. Acc!
    Mi sa che sei già partito!
    Altrimenti, dato che sei così bravo, ti avrei chiesto se volevi anche altri tre nani. Le varie feste e pizze e visite l'hanno già fatte :-)

    RispondiElimina
  6. Eh già: IRREPERIBILEEEE!!!!

    RispondiElimina
  7. fortuna era una pacca amichevole!

    RispondiElimina

Link Within

Related Posts with Thumbnails