venerdì 8 maggio 2009

Il ceffo(ne)

Quando vi apostrofa, chiedendo sornione a se stesso, "se può palparvi". (Un vero gentiluomo).

Quando si farebbe rianimare solo e soltanto da voi. (Non è vero: dice così a tutte).

O ancora, quando poi vi scarica e vi parcheggia nel "reparto menopausa". (Un vero minus habens).

Ecco, in ognuna di queste occasioni, care signore, armatevi di santa pazienza e mollategli un CEFFONE.

E' come se lui ve lo chiedesse.
Dateglielo.

6 commenti:

  1. ma sai noi che si lavora nel disagio si ha un pò di riserve a malmenare un minus habens ...
    ma in questo caso ci si proverà volentieri....

    RispondiElimina
  2. Dov'è che si fa la fila per darlo, 'sto ceffone?
    In questo, lo accontento volentieri.
    Sperando che la mano non mi scivoli sul cerone.

    RispondiElimina
  3. MA IO CI HO PROVATO!!
    HO PURE CERCATO LA RISSA!!!!
    e sai cosa succede?? che in quel momento loro non se l'aspettano e ti guardano come inebetiti quasi inconsapevoli di aver mancato di rispetto...
    Fra

    RispondiElimina
  4. E io che una volta sono stata scaricata da un ceffo(ne) in piena regola e quello in menopausa non ero io ma era lui che avrei dovuto fare??!!

    RispondiElimina
  5. Trovo davvero disgustosi questi comportamenti da parte di un uomo nella sua posizione. Un ceffone di un uomo a una donna, Cindry, non si dovrebbe nemmeno pensare, è semplicemente violento. Un ceffone di una donna ad un uomo che la molesta ha ben altro significato. Certo, non sarà una risposta politicamente corretta, ma suona, anzi risuona bene.

    RispondiElimina
  6. eheh, Desian, sei fantastico!! :-D

    RispondiElimina

Link Within

Related Posts with Thumbnails