lunedì 25 maggio 2009

Aspettative

Restare seduti dietro al monitor è di grande comodità: puoi stare con la t-shirt più slabbrata che tu abbia mai avuto e con la barba lunga.
Nessuno ti vede.
Conversi, scherzi, parli di te, leggi gli altri. Scambi.
Le leggende metropolitane, e lo stesso giardigno con mirabile effetto, raccontano di terribili delusioni che si patirebbero a passare dal virtuale al reale. Dalla t-shirt slabbrata all'abbracciarsi, nel riconoscersi.
Dopo mesi in rete si creano delle aspettative sulle persone che hai conosciuto.
Il dubbio, la paura di non essere all'altezza (di chissà che, poi!), boh.

Invece, e per fortuna, le aspettative hanno sempre ragione di esistere.
Saltare il monitor è stata la conferma di aver trovato persone un po' speciali.

Incontrare panzallaria in una pausa e riconoscersi senza mai essersi visti e salutarsi come se ci si fosse lasciati il giorno prima e parlare del “calzino spaiato” e subito una battuta. Parti già a tuo agio, unico maschietto della giornata o quasi...

Guardare Flavia e lasciarsi trasportare dalla grinta che sprigiona nella sua presentazione di The Talking Village. E se pensi alla sua carriera nel marketing delle multinazionali del detersivo e fai i conti di quanto detersivo è riuscita a venderti negli anni! Senza che tu lo sapessi. Ci sarebbe quasi da chiederle un risarcimento...

Ridere di gusto all'ironia tutta empatica di extramamma. Che ha esordito lamentandosi che 10 minuti di speech sarebbero stati un'eternità. E a me è dispiaciuto, invece, quando ha smesso di parlare e i minuti erano volati via.

Incontrare MAQ per le scale e tirarla giù per la borsa (lei non si era accorta di me) soltanto per scambiarsi i libri che ci eravamo promessi su anobii. E più tardi fare due chiacchiere mentre sul palco si alternano panzallaria, wonderland e tutte le altre.

E poi valewanda che da qualche angolo della sala mi ha sbirciato e me lo ha detto solo dopo, in un post (peccato, io proprio non ti ho riconosciuta dal vivo, anche se la tua foto l'avevo vista sul tuo blog); erounabravamamma il cui intervento ho seguito parola per parola ma poi sono dovuto scappare e non ho potuto salutarti: ma il treno in stazione non aspetta!; Jolanda che ringrazio per aver saputo trasformare la mia bonaria (speriamo) invadenza in un invito ufficiale. E le altre.

Persino scambiarsi quattro-parole-quattro nei pochi minuti della mensa, sul rapporto madri/padri, il lavoro, la maternità, ti fa riconoscere tra simili perché le idee tornano, le sensibilità si somigliano. Anche se con alcune, quelle parole e certi discorsi non si erano mai nemmeno accennati. Anzi con qualcuna di loro era proprio la prima volta che ci si trovava.

E menzione d'onore per la signora piattini cinesi (star mediatica del web) che, qualche giorno prima, al telefono, mi aveva messo tranquillo: “vedrai, sembrerà di conoscersi da sempre e poi, più piacevole di tutto, ti rendi conto di aver trovato persone con un'intelligenza viva, con qualcosa di speciale”. Così mi aveva detto.
E in effetti, piattini aveva ragione da vendere: gran bella giornata, sabato al MaM!
Gran belle persone.

14 commenti:

  1. Spero di conoscerti la prossima volta.
    Scusa sai ma a Linus non avevo proprio pensato e si che mio figlio piccolo sembra uscito da quel Peanuts.

    RispondiElimina
  2. incredibile...dopo duemila tentativi riesco di nuovo a leggerti !

    lasimo

    RispondiElimina
  3. @renata: molti di noi (tutti?) sono usciti da lì: qualcuno la coperta di linus, qualcuno la testa tonda con le cuciture di palla da baseball, qualcuno in attesa del grande cocomero, il barone rosso, joe falchetto, etc etc etc
    @lasimo: oh!, sono contento... ma sei riuscita a capire cosa è successo?

    RispondiElimina
  4. Tanta, tanta invidia....che altro posso dire. Spero di conscerti la prossima volta.

    RispondiElimina
  5. @daddy: l'appuntamento per un caffè lo ritengo sempre valido! Vada per la prossima. :-)
    @piattins: :-)

    RispondiElimina
  6. mannaggia, però ora che ti ho agguantato ti seguirò passo passo... Un abbraccio!

    RispondiElimina
  7. grazie per la citazione (sei unico!). Un minestrone di verità il tuo !

    RispondiElimina
  8. Ciao! Avete creato proprio un bel gruppetto! Anche io ero al MaM ma ho solo seguito.. Sono mamma blogger da poco e il mio blog al momento è una landa desolata! :D
    Ho visto il tuo intervento, quello di wonder, di panzallaria, flavia, extramamma ecc.
    L'evento è stato davvero interessante! Spero proprio che lo riproporranno! Chissà mai che possa intervenire anche io! ;)

    RispondiElimina
  9. @fiordaliso: a milano ci sarà un nuovo appuntamento credo il 13 giugno. Trovi info qui

    http://www.momcamp.it/

    sulla desolazione dei blog: è sempre così, i primi tempi, poi un po' alla volta decollano! ciao.

    RispondiElimina
  10. @giardigno: troppo buono! :-))

    RispondiElimina
  11. Grazie Desian! Io purtroppo sarò al mare col pargolo!! Ma mi tengo aggiornata! ;)

    RispondiElimina
  12. lo sai, vero, che io ti devo intervistare!
    per adesso mi sto esercitando (bolla, fuochi, esposizione, luce in macchina, batterie, nastro, microfono, ecc. ecc.), ma appena passi da queste parti vorrei proprio piazzarti davanti ad una telecamera e dare così inizio a una bella serie tele-web su "e i papà, cos'hanno da dirci?" ci conto!
    e grazie dei libri........

    RispondiElimina
  13. Letteralmente bevuto.
    Grazie anche a te di esserti lanciato.

    RispondiElimina

Link Within

Related Posts with Thumbnails